Data caricamento 02-08-2021 11.43.32
team con sfondo digitale e business
 
 
 
 

Stories di Trasformazione Digitale

Rimani aggiornato sulle stories e news di Trasformazione Digitale con la tecnologia low-code di WebRatio

Gartner indica WebRatio Mobile Platform tra i Rapid Mobile App Development Tool

Digital Transformation | Mobile | Mobile Development
Gartner indica WebRatio Mobile Platform tra i Rapid Mobile App Development Tool

A febbraio di quest'anno abbiamo reso disponibile al pubblico l'ambiente di sviluppo rapido per applicazioni mobile. La piattaforma è stata utilizzata in diversi progetti, come EventOmeters, per il Fuorisalone o per l’evento IRM UK.

Gartner ha valutato in anteprima WebRatio Platform ed ha inserito la piattaforma nel “Market Guide for Rapid Mobile App Development Tools”, la guida per la scelta degli ambienti di sviluppo ad alta efficienza produttiva che aiutano le aziende a rispondere alla domanda sempre maggiore di servizi digitali in portatilità che le aziende chiedono.

Gli strumenti RMAD (Rapid Mobile Application Development) si distinguono dai tradizionali ambienti di sviluppo rapido per la capacità di integrazione con sistemi back-end, per il design facile di UI Mobile e dei Workflow, l'elaborazione dei dati in modalità offline, per le funzionalità native (come la geolocalizzazione o l'elenco dei contatti) e per i sistemi di gestione e di analisi.

La rapidità e l'efficienza di WebRatio Mobile Platform sono confermate dall'analisi che un’azienda cliente ha portato a termine calcolando il numero di Function Point (FP) creati per un progetto software sviluppato con la piattaforma WebRatio. I Function Point sono un'unità di misura standard creata per definire la produttività di sviluppo ed il numero di Function Points rilevato è stato di 145 FP al mese contro una media di 16 FP creati con sistemi di sviluppo tradizionali. La prossima settimana pubblicheremo il report completo che mostra come è stato calcolato il fattore di produttività che ha portato a questo risultato.

giugno 16, 2015 / WebRatio

< Torna all'archivio delle stories